Posa di tubazioni in ghisa? Nessun problema grazie alla tecnologia di perforazione orizzontale controllata

Posa di tubazioni in ghisa? Nessun problema grazie alla tecnologia di perforazione orizzontale controllata

Posa HDD Ghisa - Drilling Solutions

Ci sono progetti per cui la tecnologia di perforazione orizzontale è l’unica scelta possibile. Il sistema tradizionale di scavo non può risolvere pose che prevedono attraversamenti di strade, ferrovie e bacini idrici; al giorno d’oggi sarebbe impensabile scavare per posare condotte in tratte caratterizzate da questo tipo di infrastrutture. I progetti avrebbero tempi di realizzazione troppo lunghi e la gestione del materiale di risulta diventerebbe problematica. Inoltre, i disagi causati al traffico e agli abitanti della zona sarebbero decisamente eccessivi. Per questo, la tecnologia di perforazione orizzontale controllata, nota anche come HDD – dall’inglese Horizontal Directional Drilling – è la scelta preferenziale perché può effettuare in modo preciso e rapido una collocazione di tubazioni in ambito “particolare”, senza dover aprire alcuno scavo.Posa HDD Ghisa - Drilling Solutions
Un esempio molto interessante per quanto riguarda l’applicazione della tecnologia HDD è il progetto che sta seguendo la società Drilling Solutions in centro Italia. Pierpaolo Micheloni, responsabile di progetto della società, ci ha descritto i dettagli di questo cantiere, iniziato a gennaio e che si concluderà ad aprile. Si tratta della posa di una condotta fognaria in pressione per il collegamento di due collettori nel comune di Osimo, in provincia di Ancona. Questo cantiere è particolarmente interessante perché presenta due caratteristiche particolari: la necessità di effettuare attraversamenti e l’utilizzo di una tubazione in ghisa, un materiale che in Italia poche aziende sanno gestire con tecnica HDD.
Il cantiere è strutturato in tre tratte di circa 80-100 metri ciascuna, per effettuare il bypass di due corsi d’acqua e di un passante ferroviario. Il terreno di posa è caratterizzato principalmente da torba con battente di acqua ad 1 metro di profondità, quindi con presenza di una falda piuttosto estesa. Drilling Solutions è una società specializzata da molto tempo in perforazione orizzontale controllata e il Geom. Micheloni ci spiega che, come per ogni altro progetto, anche qui hanno seguito ogni fase del lavoro: progettazione, studio condotta, varo e tiro tubazione. L’indagine accurata del sottosuolo e della conformazione geologica è stata essenziale per poter definire la lunghezza delle tratte di posa e la profondità di collocazione. Una volta compiute tutte le rilevazioni necessarie, i tecnici di Drilling Solutions hanno stabilito la collocazione della tubazione in ghisa (diametro 250 mm) ad una profondità di 3,5 metri.

Posa HDD Ghisa - Drilling Solutions

In questa fase, lo studio del progetto è stato molto minuzioso. La sfida vera e propria è stata l’utilizzo della tubazione in ghisa. La ghisa è notoriamente un materiale poco flessibile e di gestione complessa. Drilling Solutions ha realizzato un profilo di perforazione accurato, con una curva di perforazione definita a cui è necessario attenersi precisamente. Per fare la posa, la società ha deciso di utilizzare un perforatore orizzontale Navigator Vermeer modello D36x50II, un mezzo di medie dimensioni ma in grado di garantire la forza di tiro/spinta ottimale per questo lavoro.
Dato che la ghisa flette solo sui bicchieri di giunzione ed è un materiale molto rigido, c’era il rischio concreto che, durante la fase di tiro, la condotta si sollevasse e risalisse in superficie durante l’attraversamento dei bacini idrici. Drilling Solutions ha risolto il problema con una soluzione semplice ma al tempo stesso efficace, già utilizzata per altri progetti. Hanno deciso infatti di riempire la condotta di acqua. Questo garantisce il peso necessario affinché il tubo resti in posizione fino al termine della fase di tiro. Una volta che la tubazione è collocata, non ci sono più rischi di movimenti non controllati e quindi l’acqua viene tolta.
Il Geom. Micheloni è orgoglioso di questo lavoro; probabilmente questo è uno dei primi progetti HDD con tubazione in ghisa di questo tipo in Italia e per questa ragione la società ha invitato molte municipalizzate a vedere il cantiere; la ghisa è un materiale non semplice da affrontare e non tutte le società si sentono in grado di gestirlo ma grazie alle sue caratteristiche, molti progettisti scelgono questo materiale sempre più spesso nei progetti. La preparazione tecnica e l’utilizzo di un equipaggiamento specializzato possono contribuire a fare la differenza nei progetti di posa.

Trackbacks and pingbacks

    No trackback or pingback available for this article.

    Leave a reply